Lo Spazio festeggia l’arrivo del 2024

Spazio-Hubble-Pr-Heirc-1912a

Immagina i fuochi d'artificio al rallentatore che hanno iniziato ad esplodere quasi due secoli fa e da allora non si sono più fermati.

Lo spazio ci offre sempre nuove immagini strabilianti. Mi riviene in mente l’articolo del 2019 di Esa “Hubble cattura i fuochi d’artificio cosmici nell’ultravioletto”, quale miglior modo per festeggiare lo Spazio per il 2024

Sono convinta che il 2024 per l’Economia dello Spazio sarà un anno importante, che ci porterà ancor di più ad affermare l’Italia nei mercati globali.

Hubble

Hubble offre una visione speciale dei gas in espansione del sistema stellare doppio Eta Carinae che brillano di rosso, bianco e blu. Questa è l’immagine a più alta risoluzione di Eta Carinae scattata dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA.

Immagina i fuochi d’artificio al rallentatore che hanno iniziato ad esplodere quasi due secoli fa e da allora non si sono più fermati. Così si potrebbe descrivere questo sistema stellare doppio situato a 7500 anni luce di distanza nella costellazione della Carina (la chiglia della nave). Nel 1838 Eta Carinae subì uno scoppio catastrofico chiamato Grande Eruzione, che aumentò rapidamente fino a diventare nel 1844 la seconda stella più luminosa del cielo nell’aprile di quell’anno. Da allora la stella è scomparsa, ma questa nuova visione dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA mostra che lo spettacolo spettacolare è ancora in corso e rivela dettagli mai visti prima.

Violente espulsioni di massa non sono rare nella storia di Eta Carinae; il sistema è stato rovinato da eruzioni caotiche, spesso facendo esplodere parti di se stesso nello spazio. Ma la Grande Eruzione fu particolarmente drammatica. La più grande delle due stelle è una stella massiccia e instabile prossima alla fine della sua vita, e ciò che gli astronomi hanno testimoniato più di un secolo e mezzo fa è stata, in effetti, un’esperienza stellare di pre-morte.

L’ondata di luce risultante fu superata solo da Sirio, che è quasi mille volte più vicina alla Terra, e per un certo periodo rese Eta Carinae un’importante stella di navigazione per i marinai nei mari del sud. Questo tentativo ravvicinato si è fermato poco prima di distruggere Eta Carinae e l’intensità della luce si è gradualmente attenuata. I ricercatori che studiano la stella oggi possono ancora vedere i segni della Grande Eruzione nei suoi dintorni; l’enorme forma di manubrio è formata da polvere, gas e altri filamenti che furono scagliati nello spazio durante l’espulsione. Queste nubi calde e luminose sono conosciute come la Nebulosa Homunculus e sono state un obiettivo di Hubble sin dal suo lancio nel 1990.

In effetti, la stella volatile è stata ripresa da quasi tutti gli strumenti di Hubble per più di 25 anni. Gli astronomi hanno osservato il dramma cosmico svolgersi con una risoluzione sempre più elevata. Quest’ultima immagine è stata creata utilizzando la Wide Field Camera 3 di Hubble per mappare il gas caldo di magnesio che brilla nella luce ultravioletta (mostrato in blu).

Gli scienziati sanno da tempo che il materiale esterno espulso nell’eruzione del 1840 è stato riscaldato dalle onde d’urto generate quando si è schiantato contro il materiale precedentemente espulso dalla stella. Il team che ha catturato questa nuova immagine si aspettava di trovare la luce del magnesio proveniente dalla complicata serie di filamenti visti nella luce dell’azoto incandescente (mostrato in rosso). Invece, nello spazio tra le bolle bipolari polverose e i filamenti esterni ricchi di azoto riscaldati per shock è stata trovata una struttura luminosa di magnesio completamente nuova.

” Abbiamo scoperto una grande quantità di gas caldo che è stato espulso durante la Grande Eruzione ma non si è ancora scontrato con il resto del materiale che circonda Eta Carinae “, ha spiegato Nathan Smith dello Steward Observatory dell’Università dell’Arizona, ricercatore capo dell’Hubble. programma. “ La maggior parte dell’emissione è localizzata dove ci aspettavamo di trovare una cavità vuota. Questo materiale extra è veloce e “alza la posta” in termini di energia totale di un’esplosione stellare già potente. 

Questi dati appena rivelati sono importanti per comprendere come è iniziata l’eruzione, perché rappresentano l’espulsione rapida ed energica di materiale che potrebbe essere stato espulso dalla stella poco prima dell’espulsione del resto della nebulosa. Gli astronomi hanno bisogno di più osservazioni per misurare esattamente la velocità con cui si muove il materiale e quando è stato espulso.

Un’altra caratteristica sorprendente dell’immagine sono le strisce visibili nella regione blu all’esterno della bolla in basso a sinistra. Queste strisce compaiono nel punto in cui i raggi luminosi della stella penetrano attraverso i grumi di polvere sparsi lungo la superficie della bolla. Ovunque la luce ultravioletta colpisca la polvere densa, lascia un’ombra lunga e sottile che si estende oltre il lobo nel gas circostante. ” Lo schema di luce e ombra ricorda i raggi del sole che vediamo nella nostra atmosfera quando la luce del sole attraversa il bordo di una nuvola, anche se il meccanismo fisico che crea la luce di Eta Carinae è diverso “, ha osservato il membro del team Jon Morse del BoldlyGo Institute di New York. .

Questa tecnica di ricerca nella luce ultravioletta del gas caldo potrebbe essere utilizzata per studiare altre stelle e nebulose gassose, dicono i ricercatori.

“ Abbiamo usato Hubble per decenni per studiare Eta Carinae nella luce visibile e infrarossa, e pensavamo di avere un resoconto abbastanza completo dei suoi detriti espulsi. Ma questa nuova immagine a luce ultravioletta appare sorprendentemente diversa, rivelando gas che non abbiamo visto né nelle immagini a luce visibile né a quelle a infrarossi ”, ha detto Smith. “ Siamo entusiasti della prospettiva che questo tipo di emissione ultravioletta di magnesio possa anche esporre gas precedentemente nascosto in altri tipi di oggetti che espellono materiale, come protostelle o altre stelle morenti; e solo Hubble può scattare questo tipo di foto ”.

Le cause della Grande Eruzione di Eta Carinae rimangono oggetto di speculazioni e dibattiti. Una teoria recente suggerisce che Eta Carinae, che un tempo potrebbe aver pesato fino a 150 Soli, iniziò come un sistema triplo, e l’espulsione di massa nel 1840 fu innescata quando la stella primaria divorò una delle sue compagne, lanciando più di dieci volte la sua massa. del nostro Sole nello spazio.

 Mentre le circostanze esatte di quell’esplosione di luce spettacolare rimangono per ora un mistero, gli astronomi sono più certi di come si concluderà questo spettacolo di luce cosmico. Lo spettacolo pirotecnico di Eta Carinae è destinato a raggiungere il suo finale quando esplode come una supernova, superando di gran lunga anche la sua ultima potente esplosione. Ciò potrebbe essere già accaduto, ma lo tsunami di luce generato da un’esplosione così accecante impiegherebbe 7500 anni per raggiungere la Terra.

Questo Hubblecast esplora le varie osservazioni che il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA ha effettuato sull’Eta Carinae in varie lunghezze d’onda. Fonte Video : ESA .

#economiadellospazio #spazio2024 #esa

Giornalista, specializzata in Economia dello Spazio, in Economia del Mare e in Mindfulness - istruttrice MBSR. Dal 2004 si occupa di Aerospazio e dal 2011 di Economia del Mare. Dirige Economia dello Spazio Magazine e Economia del Mare Magazine, oltre a seguire le relazioni istituzionali ed esterne in questi settori per importanti stakeholder.