La NASA ritrova i pomodori persi nello spazio

NASA Frank Rubio missione 2022 pomodori persi

La NASA ritrova i pomodori persi nello spazio. Lo racconta l’astronauta Frank Rubio.

Coltivare cibo a bordo della Stazione Spaziale Internazionale è una delle tante indagini di ricerca per missioni spaziali di lunga durata sulla Luna e su Marte.

NASA, Frank Rubio racconta la storia della scomparsa

L’astronauta della NASA Frank Rubio ha recentemente condiviso la storia ‘impertinente’ di due pomodori di cui aveva accidentalmente perso traccia durante la raccolta per l’esperimento eXposed Root On-Orbit Test System (XROOTS) che ha condotto a bordo della stazione spaziale nel 2022.

L’esperimento utilizza la coltura idroponica e tecniche aeroponiche per coltivare piante senza suolo o altri mezzi di crescita e potrebbero fornire soluzioni adeguate per i sistemi vegetali necessari per future missioni di esplorazione spaziale.

NASA: il ritrovamento grazie ai membri dell’equipaggio della Expedition 70

Durante la celebrazione del 25° anniversario di operazioni della stazione spaziale, i membri dell’equipaggio della Expedition 70 hanno rivelato di aver trovato i pomodori perduti, scherzando sul fatto che Rubio non li aveva mangiati come sospettavano. Nonostante fosse trascorso quasi un anno dalla scomparsa iniziale dei pomodori, il frutto è stato ritrovato in un sacchetto di plastica disidratato e leggermente schiacciato. A parte qualche scolorimento, non presentava alcuna crescita microbica o fungina visibile.

NASA: gli altri esperimenti condotti da Rubio durante i 371 giorni nello spazio

Durante la sua permanenza record di 371 giorni negli Stati Uniti a bordo della stazione, Rubio ha anche condotto un altro esperimento di peeling per lo studio VEG-05, che aiuta a rispondere alla necessità di un sistema continuo di produzione di cibo fresco nello spazio. Questo esperimento ha utilizzato la struttura Veggie della stazione spaziale per coltivare pomodori nani concentrandosi sull’impatto della qualità della luce e dei fertilizzanti sulla produzione di frutta, sulla sicurezza alimentare microbica, sul valore nutrizionale e sull’accettabilità del gusto da parte dell’equipaggio.

NASA: continua la ricerca con Plant Habitat-03

Mentre i pomodori canaglia trovati dall’esperimento XROOTS non torneranno sulla Terra per l’analisi poiché sono stati scartati, la ricerca sulle piante a bordo della stazione spaziale continua con Plant Habitat-03, che tornerà sulla Terra durante l’imminente ammaraggio della 29a missione di rifornimento commerciale di SpaceX.

Plant Habitat-03 è uno dei primi studi multigenerazionali sulle piante a bordo della stazione spaziale che potrebbe aiutare i ricercatori a valutare se gli adattamenti genetici in una generazione di piante coltivate nello spazio possono trasferirsi a quella successiva. I risultati di questo studio potrebbero aiutare a identificare gli elementi genetici che aumentano l’adattabilità delle piante al volo spaziale, fornendo informazioni su come coltivare generazioni ripetute di colture per fornire cibo e altri servizi nelle future missioni spaziali.

NASA: i benefici del giardinaggio per gli astronauti

I benefici della coltivazione di piante nello spazio non si fermano qui, gli astronauti riferiscono che ci sono benefici psicologici nel tempo trascorso a fare giardinaggio, aumentando la qualità della vita nello spazio e sollevando il morale. La ricerca a bordo della stazione spaziale sta facendo avanzare la tecnologia e le conoscenze scientifiche necessarie per coltivare con successo piante nello spazio e aiutare gli esseri umani a superare i confini dei viaggi spaziali. Questo lavoro aiuta anche gli sforzi per migliorare le piante coltivate per il cibo e altri usi importanti qui sulla Terra.

schermata 2023 12 19 alle 094307
Franck Rubio – astronauta

Fonte e foto NASA

Giornalista, Capo Redattrice di Economia dello Spazio Magazine,Economia del Mare Magazine,Space&Blue, Vivere Naturale Magazine.