Spazio e Natale: i telescopi illuminano il “grappolo di alberi di Natale”

natale-nasa-telescopio

Lo Spazio a Natale, questa nuova immagine di NGC 2264, conosciuta anche come “Christmas Tree Cluster”, mostra la forma di un albero cosmico con il bagliore delle luci stellari. NGC 2264 è, infatti, un ammasso di  stelle giovani – con età compresa tra circa uno e cinque milioni di anni – nella nostra Via Lattea a circa 2.500  anni luce  dalla Terra

Le stelle in NGC 2264 sono sia più piccole che più grandi del Sole, da alcune con meno di un decimo della  massa  solare ad altre contenenti circa sette masse solari.

Questa nuova immagine composita esalta la somiglianza con un albero di Natale attraverso scelte di colore e rotazione. Le luci blu e bianche (che lampeggiano nella  versione animata di questa immagine ) sono giovani stelle che emettono  raggi X  rilevati  dall’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA . I dati ottici  del telescopio WIYN da 0,9 metri della National Science Foundation sul Kitt Peak mostrano il gas nella  nebulosa  in verde, corrispondente agli “aghi di pino” dell’albero, e i dati infrarossi della Two Micron All Sky Survey mostrano le stelle in primo piano e sullo sfondo in bianco. Questa immagine è stata ruotata in senso orario di circa 160 gradi rispetto allo standard astronomico del Nord rivolto verso l’alto, in modo che sembri che la cima dell’albero sia verso la parte superiore dell’immagine.

Raggi X: NASA/CXC/SAO; Ottico: Rettore TA (NRAO/AUI/NSF e NOIRLab/NSF/AURA) e BA Wolpa (NOIRLab/NSF/AURA); Infrarossi: NASA/NSF/IPAC/CalTech/Univ. del Massachusetts; Elaborazione delle immagini: NASA/CXC/SAO/L. Frattare & J.Major

Raggi X: NASA/CXC/SAO; Ottico: Rettore TA (NRAO/AUI/NSF e NOIRLab/NSF/AURA) e BA Wolpa (NOIRLab/NSF/AURA); Infrarossi: NASA/NSF/IPAC/CalTech/Univ. del Massachusetts; Elaborazione delle immagini: NASA/CXC/SAO/L. Frattare & J.Major

Play VideoQuesta immagine composita mostra il cluster dell’albero di Natale. Le luci blu e bianche (che lampeggiano nella versione animata di questa immagine) sono giovani stelle che emettono raggi X rilevati dall’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA. I dati ottici del telescopio WIYN da 0,9 metri della National Science Foundation sul Kitt Peak mostrano il gas nella nebulosa in verde, corrispondente agli “aghi di pino” dell’albero, e i dati infrarossi della Two Micron All Sky Survey mostrano le stelle in primo piano e sullo sfondo in bianco. Questa immagine è stata ruotata in senso orario di circa 160 gradi rispetto allo standard astronomico del Nord rivolto verso l’alto, in modo che sembri che la cima dell’albero sia verso la parte superiore dell’immagine.

Questa immagine composita mostra il cluster dell’albero di Natale. Le luci blu e bianche (che lampeggiano nella versione animata di questa immagine) sono giovani stelle che emettono raggi X rilevati dall’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA. I dati ottici del telescopio WIYN da 0,9 metri della National Science Foundation sul Kitt Peak mostrano il gas nella nebulosa in verde, corrispondente agli “aghi di pino” dell’albero, e i dati infrarossi della Two Micron All Sky Survey mostrano le stelle in primo piano e sullo sfondo in bianco. Questa immagine è stata ruotata in senso orario di circa 160 gradi rispetto allo standard astronomico del Nord rivolto verso l’alto, in modo che sembri che la cima dell’albero sia verso la parte superiore dell’immagine.

Le stelle giovani, come quelle di NGC 2264, sono volatili e subiscono forti brillamenti nei raggi X e altri tipi di variazioni osservate in diversi tipi di luce. Le variazioni coordinate e lampeggianti mostrate in questa animazione, tuttavia, sono artificiali, per enfatizzare la posizione delle stelle viste nei raggi X ed evidenziare la somiglianza di questo oggetto con un albero di Natale. In realtà le variazioni delle stelle non sono sincronizzate.

Le variazioni osservate da Chandra e da altri telescopi sono causate da diversi processi. Alcuni di questi sono legati all’attività che coinvolge  i campi magnetici , inclusi brillamenti come quelli subiti dal Sole – ma molto più potenti – e punti caldi e regioni scure sulla superficie delle stelle che entrano ed escono dalla vista mentre le stelle ruotano. Possono esserci anche cambiamenti nello spessore del gas che oscura le stelle, e cambiamenti nella quantità di materiale che ancora cade sulle stelle dai dischi di gas circostanti.

Il Marshall Space Flight Center della NASA gestisce il programma Chandra. Il Chandra X-ray Center dello Smithsonian Astrophysical Observatory controlla le operazioni scientifiche da Cambridge, Massachusetts, e le operazioni di volo da Burlington, Massachusetts.

Maggiori informazioni dall’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA.

Descrizione visiva:

Questa versione presenta un’immagine composita di un ammasso di giovani stelle che assomiglia decisamente a un albero di Natale cosmico! L’ammasso, noto come NGC 2264, si trova nella nostra Via Lattea, a circa 2.500 anni luce dalla Terra. Alcune stelle dell’ammasso sono relativamente piccole, altre relativamente grandi, con una massa compresa tra un decimo e sette volte la massa del nostro Sole.

In questa immagine composita, la somiglianza del grappolo con un albero di Natale è stata migliorata attraverso la rotazione dell’immagine e la scelta dei colori. I dati ottici sono rappresentati da sottili linee e forme verdi, che creano i rami e gli aghi della forma dell’albero. I raggi X rilevati da Chandra sono presentati come luci blu e bianche e assomigliano a punti luminosi luminosi sull’albero. I dati a infrarossi mostrano le stelle in primo piano e sullo sfondo come scintillanti granelli di bianco contro l’oscurità dello spazio. 

L’immagine è stata ruotata di circa 150 gradi rispetto allo standard astronomico del Nord rivolto verso l’alto. Questo pone il picco della forma approssimativamente conica dell’albero vicino alla parte superiore dell’immagine, anche se non affronta la leggera zona nuda tra i rami dell’albero, in basso a destra, che probabilmente dovrebbe essere girata verso l’angolo.

In questa versione, il cluster festivo viene presentato sia come immagine statica, sia come breve animazione. Nell’animazione, i punti radiografici blu e bianchi di Chandra tremolano e brillano sull’albero, come le luci su un albero di Natale.

Fonte-Foto-Video: NASA

#economiadellospazio #spazioenatale

Giornalista, specializzata in Economia dello Spazio, in Economia del Mare e in Mindfulness - istruttrice MBSR. Dal 2004 si occupa di Aerospazio e dal 2011 di Economia del Mare. Dirige Economia dello Spazio Magazine e Economia del Mare Magazine, oltre a seguire le relazioni istituzionali ed esterne in questi settori per importanti stakeholder.